Biografia Shinichi Suzuki

f

Shinichi Suzuki è nato a Nagoya, il 17 Ottobre del 1898 da una famiglia di discendenze samurai. Figlio di un produttore di violini cresce nella fabbrica del padre e lo aiuta nella contabilità. All'età di diciassette anni ha l'occasione di ascoltare una registrazione del famoso violinista Mischa Elman e ne resta affascinato. Decide così di studiare violino iscrivendosi alla scuola di musica di Tokyo.
Nel 1920, un grande mecenate, il marchese Tokugawa, rendendosi conto delle qualità musicali e violinistiche di Suzuki lo manda a Berlino dove resta per otto anni a studiare con Karl Klinger, un allievo di Joachim. S’inserisce così nell’ambiente culturale della città divenendo intimo amico d’importanti personaggi tra i quali anche Albert Einstein. E' questa l'epoca in cui Maria Montessori e Jean Piaget, sviluppano nuove idee sull'educazione e la crescita dei bambini. 
Suzuki vive a contatto di tutte le realtà culturali dell'epoca: concerti, grandi musicisti ed esperti intellettuali e conosce la sua futura moglie, Waltraud Prage, che sposa nel 1928.
Dopo il matrimonio, a causa della malattia della madre di Suzuki, la coppia si trasferisce in Giappone. Suzuki diventa uno dei primi violinisti concertisti della nazione e fonda con tre dei suoi fratelli il "Quartetto Suzuki" che da concerti in tutto il paese fino al periodo della grande depressione. E' in questo periodo che ha l’illuminazione del metodo della Madre-Lingua. Dopo la guerra, nel 1945, con l'aiuto del Governo e della città, fonda a Matsumoto la Scuola dell’Educazione del Talento, la scuola che sarebbe diventata l’impresa della sua vita, il cui scopo non è quello di formare musicisti professionisti ma di educare tutti i bambini attraverso la musica e di sviluppare in loro una sensibilità, una creatività e un'individualità equilibrata.

Secondo Suzuki, infatti, lo scopo della vita è quello di ricercare l' amore, la verità, la virtù e la bellezza.
Insegna anche alla "Scuola di musica Imperiale" e alla scuola di musica "Kunitachi" di Tokyo e in pochi anni è in grado di presentare un gruppo di bambini che suonano mirabilmente. Nel 1964 si reca, con i suoi giovani violinisti, negli USA su invito della "Musica Educatore National Conference" tenendo concerti e conferenze in varie università.
Il successo è grande e molti studiosi e musicisti americani, si recano in Giappone per imparare il Metodo.

Oggi la metodologia Suzuki è diffusa in tutti i continenti e si calcola che più di 300.000 bambini imparino la musica con questo metodo che, oltre al violino, è applicato al violoncello, alla chitarra, all'arpa, al flauto, al pianoforte, e al mandolino.
Shinichi Suzuki muore il 25 Gennaio del 1998 all'età di novantanove anni.
Ricordato da tutti per aver messo a disposizione dei bambini piccolissimi i mezzi per imparare ad apprezzare la musica e la possibilità di sviluppare i loro talenti naturali fin dalla prima infanzia